2 ottobre – Concerto “Il furgido specchio dell’anima”

SABATO ORE 21.00 presso la Chiesa Santo Stefano.

Nel 2016, grazie alla fattiva collaborazione della Comunità Pastorale di Mariano Comense e della Parrocchia di Santo Stefano, unitamente all’impegno di molti volontari sorretti dall’entusiasmo di proporre qualcosa di nuovo e fruibile per Tutti, veniva inaugurata la prima Edizione di una stagione concertistica che fin da subito ha saputo raccogliere l’attenzione e l’interesse di molti appassionati, riscuotendo un notevole successo.
E già dalla seconda edizione, anche l’Amministrazione Comunale è stata presente a sostegno di questa iniziativa, consentendoci di portare in Città artisti di spessore internazionale e giovani di grande talento, sempre all’insegna della grande Musica.
Buon ascolto!

Johann Sebastian Bach (1685-1750)
Sarabande e Gigue
Jorge Andres Bosso
Tutte le acque al mare vanno
Ottorino Respighi (1879-1936)
Lagrime; Nebbie
Sergej Prokofiev (1891-1953)
Historiette
Ottorino Respighi
Notte
Francis Poulenc (1899-1963)
Sonata
Francesco Paolo Tosti (1846-1916)
Quattro Canzoni d’Amaranta
Aaron Copland (1900-1990)
Slowly and expressive /Cadenza
Jorge Andres Bosso

Alegoría de un Tango
Astor Piazzolla (1921-1992)
Oblivion
Pietro Mascagni (1863-1945)
Serenata

Violoncello – clarinetto – soprano

JORGE BOSSO, IVANA ZECCA, PATRIZIA ZANARDI
Tra arie e danze e canzoni si tramandano idee, messaggi. Il suo fine, ineffabile. Il delizioso piacere, e sempre nuovo di un intento vano e futile di colmare una vocazione alquanto inutile – come avrebbe potuto dire ancora una volta Henri de Régnier. La musica strumentale e il canto al servizio di un ballo assente, lontano come il suono rimasto nella memoria una volta che la musica lascia spazio al silenzio.

Come raggiungerci:
Visualizza su Google Maps facendo CLICK QUI


EVENTI CULTURALI COMUNITA’ SAN FRANCESCO – AUTUNNO 2021
Nonostante la pandemia e la forzata chiusura di tante attività – tra cui anche quelle culturali nella nostra Comunità Pastorale – non si è spenta nel cuore dell’uomo quella sete di infinito che gli è insita. È riflesso di una “luce eterna”, accesa dall’Eterno nel momento in cui Egli ha preso carne nella vicenda concreta di Gesù di Nazaret. Così ci insegna con decisione la nostra fede cristiana. E così ci conferma quella bellezza che tanti artisti, poeti, musicisti, hanno saputo cantare quale riflesso di quello “splendore di luce eterna”. Tra i tanti è d’obbligo quest’anno onorare la vicenda storica e letteraria di Dante Alighieri, nel VII centenario della sua morte. Già lo scorso 26 giugno – con un concerto pianistico e una lettura guidata sul tema della figura femminile e dell’amore nella Divina Commedia – abbiamo inteso portare il nostro piccolo contributo all’opera del Sommo Poeta. Ora la nostra Comunità Pastorale “San Francesco d’Assisi” riprende le proposte culturali nella Bottega delle esposizioni e nel Cortile di san Francesco, come segnali di un timido ritorno alla normalità. Fu proprio con San Francesco che Dante espresse profonda sintonia di spirito. Il poverello d’Assisi inaugurò una nuova presenza religiosa nel suo tempo, fuori dal chiuso del monastero, in mezzo alla vita della gente comune, alla quale insegnò la contemplazione del creato e la lode per il suo Creatore in autentico spirito di povertà. Così Dante espresse il suo poema nella lingua parlata dal popolo e guardando dal cielo la nostra terra additò la grettezza di chi confida nei beni terreni. La bellezza è vera ricchezza, non ha prezzo quando nutre lo spirito e non la si spreca in squallida speculazione economica.
Don Luigi Redaelli
Prevosto Responsabile della Comunità pastorale

Il presente evento rientra nell’ambito degli eventi culturali organizzati dalla Comunità Pastorale San Francesco per l’autunno 2021.